Manutenzione sentiero e recupero pascoli sull’Alpe di Biasagn, Val Pontirone


Wiesen, Pascoli calcarei | realizzato nel Luglio 2021 | Ticino

L'Alpe di Biasagn si situa a 2000 metri di quota sul versante solatìo della Val Pontirone, in territorio del comune di Biasca. Biasagn è attualmente caricato con circa 130 pecore e ospita anche un rifugio. Oggi è raggiungibile unicamente attraverso il sentiero che sale dalla villa di Mazzorin. Un tempo, Biasagn era anche collegato all’Alpe di Stabiello.

A causa della graduale riduzione delle attività agricole e forestali, i prati del comprensorio sono stati progressivamente invasi dal bosco di resinose, soprattutto di abete rosso, che sono caratterizzati da una struttura omogenea e instabile. La caduta di alberi interrompe regolarmente il sentiero e rede difficile l’accesso al rifugio di Biasagn. Inoltre, complice il cambiamento climatico, i pascoli dell’alpe di Biasagn vengono gradualmente invasi dal bosco, il quale si spinge verso altitudini sempre maggiori. Inoltre, gli abeti rossi nei prati sono distinti da una crescita vivace di oltre 50-100 cm all’anno. Vista la situazione, tra qualche anno sarebbe impossibile recuperare il pascolo dell’alpe di Biasagn, il quale si vedrebbe inesorabilmente invaso dal bosco.

Nella settimana dal 19 al 23 luglio 2021, un gruppo composto da 5 civilisti ed un capo progetto Naturnetz TI è intervenuto per recuperare i pascoli dell’Alpe Biasagn e risanare i sentieri di collegamento fra Biasagn, Mazzorin e l’Alpe di Stabiello. Il primo giorno si è saliti in elicottero per trasportare il personale e le attrezzature.

Sono stati eseguiti i seguenti lavori:
• Rimozione degli alberi caduti lungo i sentiero Mazzorin-Biasagn e la Biasagn-Stabiello
• Migliorie puntuali del tracciato tramite l'escavazione del terreno e la rimozione dei massi instabili
• Sistemazione degli scalini in pietra, taglio dei rami sporgenti e sfalcio del sentiero con decespugliatore
• Taglio e accatastamento in fondo ai prati degli alberi di abete rosso cresciuti nei prati dell’Alpe Biasagn

La settimana è stata marcata da un grande impegno, che ha permesso di raggiungere notevoli risultati:
- è stato possibile ripristinare e mantenere i sentieri storici Mazzorin-Biasagn e Biasagn-Stabiello, per una lunghezza totale di quasi 3km.
- si è potuto recuperare oltre 5000 metri quadri di pascolo invaso dagli abeti rossi, permettendo di salvaguardare i prati più centrali dell’Alpe di Biasagn

Si ringrazia il Patriziato di Biasca per aver messo a disposizone il rifugio rustico ed accogliente - anche se alcuni temerari hanno optato per dormire in tenda o su un amaca ;).


vicino