Lotta alle neofite invasive cave di ghiaia (ASIC)


Neophyten, Kiesgruben | Realisiert im Juli 2018 | Tessin

Le cave di ghiaia possono offrire grandi opportunità alla natura. Le specie animali e vegetali tipiche delle golene popolano volentieri anche questi ambienti ruderali perturbati dall’uomo. Siccome tante golene sono scomparse con la canalizzazione dei nostri fiumi, le cave di ghiaia possono così esserne importanti sostituti salvaguardando così la biodiversità. In queste cave di ghiaia possiamo trovare infatti piccoli specchi d’acqua, luoghi calpestati aridi, luoghi con vegetazione ruderale annuale, vegetazione pluriennale termofila e mesofila nonché prati secchi. Tutti luoghi importanti per una flora e fauna spesso altamente specializzata.

Purtroppo anche alcune neofite invasive sono molto competitive su queste superfici. Per una settimana in luglio 2018 abbiamo così estirpato neofite invasive e altre specie problematiche in diverse cave di ghiaia nei dintorni di Coira su mandato dell’Associazione svizzara dell’industria degli Inerti e del calcestruzzo ASIC. Tra le cave trattate anche la “Kieswerk Untervaz AG” che ha ricevuto una menzione dalla Fondazione Natura & Economia per la gestione particolarmente armoniosa con la natura sul proprio areale.

Tra le tante specie trattate abbiamo estirpato il Senecione sudafricano (Senecio inaequidens) che è statointrodotto accidentalmente in Europa con il commercio della lana. Questa pianta ha il potenziale di invadere i nostri prati e pascoli; essendo tossica per il bestiame potrebbe così costituire un grosso problema per l’agricoltura (fonte: www.infoflora.ch)

Nonostante le condizioni aride e ogni tanto polverose, ai civilisti è piaciuto il lavoro soprattutto per la grande varietà di specie imparate e le diverse tecniche di lotta applicate.


In der Nähe